images/slides/acsa_figura-01.jpg
images/slides/acsa_figura-02.jpg
images/slides/acsa_figura-03.jpg
images/slides/acsa_figura-04.jpg

Menu Magazine

ACSA Magazine

ACSA Magazine Online - Approccio Clinico Multidisciplinare
Organo Ufficiale ACSA-Onlus

Direttore Responsabile Scientifico
Carmine Macchione

Co-Direttori
Massimo Fazzari
Giuseppe Luciano

Segreteria di Redazione
Paola Fiammengo

Direzione
Consiglio Direttivo ACSA-onlus
Associazione Interregionale Cardiologi
e Specialisti Medici Ambulatoriali
Via San Pio V, 36 - 10125 Torino
email: voci@acsa-onlus.it

Newsletter
Per ricevere la newsletter compilare la form a fondo pagina.

La pubblicazione su ACSA Magazine è regolata dalle Norme Editoriali allegate.  Norme.

Articoli

Radicali Liberi di Ossigeno: amici o nemici dell’invecchiamento?

  • PDF

Si stima che nel 2060, circa il 30% della popolazione europea sarà costituito da ultraottuagenari. In un mondo che invecchia rapidamente, una delle principali sfide della ricerca biomedica è migliorare la qualità di vita dell’anziano e al contempo contenere la crescente spesa sociosanitaria dedicata alla gestione delle malattie geriatriche. Per esempio, il solo trattamento delle ulcere cutanee recidivanti, un problema tipico dell’anziano, costa ora ai sistemi sociosanitari europei circa il 2% dell’intero budget allocato, mentre negli USA il loro trattamento costa annualmente più di venticinque miliardi di dollari. Quindi, se da un lato l’aumento dell’aspettativa di vita nei paesi occidentalizzati può considerarsi un grande successo della medicina moderna, dall’altro lato, l’impennata di malattie geriatriche ad esso associato rischia di diventare il tallone d’Achille dei sistemi sociosanitari e assistenziali. La ricerca di soluzioni maggiormente efficaci e sostenibili alle problematiche dell’invecchiamento rappresenta dunque un obiettivo strategico fondamentale del programma di finanziamento alla ricerca scientifica “Horizon 2020” della Comunità Europea.

Ultimo aggiornamento Venerdì 07 Luglio 2017 10:48 Leggi tutto...

Il primo soccorso va a Scuola grazie alla Calabria

  • PDF

In classe si potrà insegnare a salvare persone: la norma con i decreti attuativi è stata inserita nella riforma. Pieno successo dell’onlus “Un messaggio per la vita” presieduta da Enzo Natale

Ma, alla fine, utile a rendere più moderna e funzionale l’offerta formativa per milioni di studenti italiani. Il cosiddetto “decreto Buona scuola” che, a luglio, è stato tramutato in legge, ha trovato la sua piena attuazione con l’approvazione dei Decreti Attuativi. Ha portato con sé anche diversi elementi estremamente positivi. La battaglia intrapresa nel 2005 dalla Faculty dell’onlus “Un messaggio per la vita”, presieduta dal dottore Enzo Natale - primario del reparto di Medicina d’Urgenza e Pronto soccorso dell’ospedale “Jazzolino” di Vibo Valentia - ha infatti trovato l’epilogo migliore che si potesse immaginare: nel decreto è stata inclusa la possibilità, facoltativa, di introdurre nelle scuole italiane l’insegnamento delle tecniche di primo soccorso. Agli studenti, cioè, verrà insegnato a praticare un massaggio cardiaco e ad effettuare con determinazione le corrette e tempestive manovre sanitarie che consentano, anche in regime di emergenza, di salvare vite umane. È proprio nella primissima fase in cui si presenta una patologia traumatica che si gioca la sfida della vita: il tempo in cui viene effettuato un massaggio cardiaco innalza di molto la possibilità di assicurare la sopravvivenza di un paziente (almeno il 30 per cento in più!). Ecco perché la battaglia decennale intrapresa e vinta dall’associazione che il dottore Natale presiede insieme al professor Mario Balzanelli merita la massima considerazione e condivisione.

Ultimo aggiornamento Venerdì 07 Luglio 2017 10:48 Leggi tutto...

Dieta Mediterranea, salute e longevità

  • PDF

Seguire una dieta sbagliata per quantità (in eccesso o in difetto) e/o per qualità, comporta un maggior rischio per numerose malattie in particolare cardio-cerebro vascolari, metaboliche e neoplastiche ed inoltre favorisce l'invecchiamento precoce con conseguente morte prematura. L'Unesco alla fine del 2010 ha iscritto, su proposta della Spagna, la dieta mediterranea nella prestigiosa lista del patrimonio culturale immateriale dell'Umanità, perché esempio di alimentazione salutare, gustosa, relativamente facile da seguire ed anche economica.

Ultimo aggiornamento Domenica 22 Gennaio 2017 17:32 Leggi tutto...

La congiura del silenzio nei confronti del grande vecchio

  • PDF

“Le persone sono come le vetrate. Scintillano e brillano quando c'è il sole, ma quando cala l'oscurità rivelano la loro bellezza solo se c'è una luce dentro“ 
Elisabeth Kübler Ross

Ultimo aggiornamento Giovedì 04 Giugno 2015 09:40 Leggi tutto...

Alcuni tristi pensieri sulla Medicina Difensiva: paura o alibi? La Carta di Saint Vincent

  • PDF

Si è registrata negli anni recenti in Italia una situazione che deriva dalla massificazione della medicina che ha, in parte, perso la sua funzione empatica e relazionale e, come logica conseguenza, dalla lievitazione di un contezioso tra medico e paziente. Il medico, specie se giovane e all’inizio della carriera, si è visto giudicato e sorvegliato costantemente dalla Magistratura, non sempre in modo sereno, realistico e obiettivo per il fatto oggi che l’errore nella prestazione sanitaria viene considerato inaccettabile in ragione degli sviluppi della scienza medica.

Ultimo aggiornamento Domenica 04 Marzo 2012 10:31 Leggi tutto...

La moderna radioterapia nel paziente geriatrico

  • PDF

L’assenza di studi prospettici sugli effetti dell’irradiazione riguardo a tolleranza, controllo locale e sopravvivenza relativamente alla popolazione anziana rende complicata la corretta definizione di linee guida e di tecniche radioterapiche specifiche per tale popolazione.

Ultimo aggiornamento Domenica 04 Marzo 2012 16:27 Leggi tutto...

Novità tecnologiche in gastroenterologia

  • PDF

Le malattie dell’apparato digerente rappresentano ancora un motivo di preoccupazione per il malato e un’enorme spesa per il sistema sanitario pubblico e quello assicurativo privato, nonostante gli importanti progressi effettuati in campo medico gastroenterologico. La prevenzione e la diagnosi precoce sono gli obiettivi della ricerca in gastroenterologia.

Ultimo aggiornamento Martedì 05 Luglio 2011 14:26 Leggi tutto...

La formazione in medicina nel Sistema Universitario italiano: Medicina Interna e Geriatria

  • PDF

La  revisione dell’ordinamento didattico del Corso di Laurea di Medicina e Chirurgia (CLMeC, denominato LM-41) ha portato alla indicazione dettagliata degli obiettivi formativi più rilevanti del Settore Scientifico Disciplinare (SSD, denominato MED/09) che comprende medicina interna, geriatria, medicina d’urgenza e medicina generale. Tali indicazioni  dovevano tenere conto della realtà epidemiologica e demografica cioè dell’aumento progressivo delle persona anziane e della emergenza delle malattie croniche con conseguente disabilità e anche della strutturazione del sistema sanitario nazionale (SSN).

Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Luglio 2011 15:34 Leggi tutto...

Trombosi venosa profonda ed embolia polmonare

  • PDF

Trombosi venosa profonda (TVP) Quadro di obliterazione acuta dei vasi del circolo venoso profondo degli arti (prevalentemente inferiori) denominato in passato tromboflebite o flebotrombosi in rapporto alla rappresentazione della flogosi (tromboflebiti  prevalenza flogistica; flebotrombosi  predominanza del rallentamento del circolo venoso).

Ultimo aggiornamento Martedì 05 Luglio 2011 11:47 Leggi tutto...

Il pronto soccorso ospedaliero: eventi sentinella per il trattamento dell’anziano pluripatologico

  • PDF

Il pronto soccorso ospedaliero: eventi sentinella per il trattamento dell’anziano pluripatologico

Carmine Macchione

Introduzione

Recenti episodi, tra loro differenti sia nella sostanza che per i protagonisti impegnati, riportati dai media, non sempre in modo corretto in verità, necessitano di qualche doverosa nota di commento. Alcuni di essi riguardano l’operato dei medici nel Pronto Soccorso ospedaliero. Altri si riferiscono alla morte di due giovani donne, affette da leucemia acuta e curate con procedure della Medicina alternativa. Episodi come questi possono, e spesso lo sono, essere manipolati dai media e assumere una connotazione scandalistica. Sulla scorta di un moralismo spicciolo, viene enfatizzato il lato più appariscente che nell’uno e nell’altro caso porta ad esaltare e scatenare l’emotività del lettore.

Ultimo aggiornamento Lunedì 13 Febbraio 2017 23:12 Leggi tutto...

Ricordo di Carmine Macchione, grande medico umanista, all’insegna dell’innovazione nella continuità

  • PDF

Con la scomparsa di Carmine Macchione, avvenuta il 25 aprile scorso, proprio nel giorno della Festa della Liberazione, questa rivista perdeva il suo prestigioso direttore responsabile scientifico e il nostro Paese veniva privato di un eccellente medico umanista. Prima di essere sconfitto dalla patologia aggressiva da cui è stato colpito per otto mesi, Carmine Macchione ha combattuto la sua ultima battaglia con serena determinazione, senza mai cedere alla paura, così come aveva sempre fatto di fronte al male, qualunque fosse la forma con cui si manifestava.

La sua vita è stata incentrata su un impegno ininterrotto a perfezionare le molteplici qualità di mente e di cuore che la natura gli aveva accordato, nonché ad acquisire elevate abilità tecnico scientifiche, nel campo della professione medica, con l’obiettivo di metterle al servizio del’umanità sofferente, coltivando la sua inclinazione ad accorrere verso coloro che avevano bisogno del suo aiuto. Carmine si è dedicato allo studio della storia, del pensiero filosofico e dell’arte in tutte le sue espressioni, diventando altresì autore di una ricca produzione letteraria in prosa e in versi. Ma è stato un umanista, anche e soprattutto, perché la sua pratica professionale si è svolta costantemente all’insegna del principio in base al quale l’azione sociale deve perseguire sempre e comunque il bene dell’uomo.

L’indimenticabile direttore responsabile scientifico di questa nostra rivista è stato un professore universitario della facoltà di medicina di Torino. Nato nel 1934 a Tropea, è sempre rimasto profondamente legato alla sua terra dì origine. Laureatosi in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Roma nel 1959, si è specializzato in Cardiologia, Medicina Legale, Medicina Interna, Geriatria e Igiene presso l’Università di  Torino. Professore Associato in Geriatria nella Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Torino dal 1983, ha ricoperto la carica di Direttore della Divisione Universitaria di Geriatria presso il II Polo Universitario dal primo luglio 1990 al 31 ottobre 2001. La sua produzione scientifica conta ben 260 pubblicazioni, tra cui ricordo due volumi, il primo sui fattori di rischio degli anziani istituzionalizzati (“Vecchi o Anziani”, Ed UPSEL, Torino 1991) e il secondo  sulla violenza di cui sono spesso vittime gli anziani (“Gli abusi contro gli anziani” Ed. Rubbettino, 2006).

A proposito della produzione letteraria extramedica del nostro brillante collega medico, ricordo tre volumi di poesie in lingua calabrese (Quatri i paisi, Clut. Ed. Trovino; Alica i mari Ed. Rubbettino; Luci e umbri ed. Rubbettino), un’antologia di scritti di vari autori ori  sul mezzogiorno (Zagare a Torino e Stelle alpine al sud Ed. Rubbettino in coll. Con P. Luciano),  il volume “Quando si mangiava insieme”, il romanzo autobiografico  “Giocavamo sotto le bombe”  e il recente romanzo storico “il filo mancante”.

Ricordando Carmine Macchione, non posso fare a meno di  dare spazio ai sentimenti sviluppati per la sua perdita da coloro che, come me, sono fieri di avere avuto il privilegio della sua amicizia. A tutti noi mancheranno  molto, moltissimo, la sua umiltà, la sua bontà, la sua capacità d’amare con generosità, il suo inconfondibile sorriso, la  sua saggezza, la sua tolleranza e in particolare le sue lezioni esemplari volte a farci riconoscere le ragioni di coloro che appartengono ad altre  culture o comunque hanno opinioni diverse  dalle nostre. Il Professore lo ha fatto per tutti, ancora di recente, con la sua splendida prosa, nel tuo ultimo romanzo “ il filo mancante”. Delle lezioni che ci ha dato gli saremo eternamente riconoscenti. Non dimenticheremo mai, in particolare, quelle con cui ci ha insegnato a considerare  fratelli anche coloro che coltivano ideali diversi da quelli che con lui abbiamo condiviso: ideali di libertà, democrazia, giustizia sociale e solidarietà verso gli ultimi. Rinnovando le nostre affettuose condoglianze alla moglie Noretta Tranfo, ritengo doveroso sottolineare che l’amore e la tenerezza che hanno permeato i rapporti di Carmine con lei è stato un modello a cui molti dei suoi  amici hanno cercato di ispirare la loro vita di coppia. Anche in questo il Professore è stato un grande maestro.

Nel momento in cui  assumo, non senza trepidazione,  la carica di  direttore responsabile scientifico della nostra rivista,  mi permetto di lanciare ai soci  dell’ACSA  un caloroso appello: onoriamo l’esempio di eccellente medico umanista che Carmine Macchione ci ha lasciato in eredità, dedicando le nostre migliori energie alla promozione della salute dei nostri concittadini, senza dimenticare le sofferenze dei fratelli che appartengono a comunità meno fortunate della nostra.

 

Pino Luciano
Responsabile Scientifico ACSA-magazine

Ultimo aggiornamento Sabato 27 Maggio 2017 21:42

La terapia diuretica dell'edema

  • PDF

I diuretici possono venire impiegati in svariate condizioni cliniche, tra le quali le più frequenti sono l’edema, gli squilibri idro-elettrolitici (ipo e ipernatremie, iperpotassiemie), gli squilibri acido-base (alcalosi respiratorie), le iper ed ipocalcemie, la paralisi periodica familiare.

In questo scritto ci occuperemo esclusivamente della terapia dell’edema.

 

DEFINIZIONE

L’edema consiste in un accumulo di liquido extracellulare in eccesso rispetto al valore normale, tale da determinare una imbibizione dei tessuti periferici riconoscibile clinicamente, ed un misurabile aumento del peso corporeo.

Ultimo aggiornamento Domenica 21 Febbraio 2016 17:47 Leggi tutto...

Il cervello e la sua modificabilità

  • PDF

Fino a non molti anni fa era opinione comune credere che il cervello, in quanto macchina straordinaria e altamente complessa, non fosse modificabile e le sue cellule, i neuroni, fossero destinati a una progressiva ma inesorabile morte, più accentuata dopo i venticinque anni. Finalmente, alle soglie del terzo millennio, si è confermato una volta per tutte che il sistema nervoso è in grado di modificare la propria struttura in risposta sia agli stimoli provenienti dall’organismo sia a quelli provenienti dall’ambiente esterno.

Ultimo aggiornamento Domenica 04 Marzo 2012 14:09 Leggi tutto...

Carcinoma prostatico

  • PDF

Nel corso degli anni ’90, nelle persone di sesso maschile dei paesi occidentali il carcinoma della prostata (CaP) ha progressivamente superato il cancro al polmone in termini di incidenza. Nel 2008 sono stati registrati in USA 190.000 nuovi casi di CaP con relativi 29.000 decessi.

Ultimo aggiornamento Domenica 04 Marzo 2012 11:27 Leggi tutto...

Informazione facile. Una newsletter come strumento di riabilitazione

  • PDF

Informazione facile (IF) è nata nel 2003 su impulso di un gruppo di lavoro formato da logopedisti, giornalisti, informatici ed è attuato in collaborazione con la S.C.U. di Audiologia e Foniatria dell'Università di Torino, ASO San Giovanni Battista di Torino.

Ultimo aggiornamento Martedì 05 Luglio 2011 14:26 Leggi tutto...

L'esame del polso dall'oblio a un nuovo umanesimo

  • PDF

“Vi è più di una saggezza e sono tutte necessarie al mondo: non è male che esse si alternino”
Marguerite Yourcenair. Memorie di Adriano.

Questo mio primo editoriale del 2011 inizia con un ossimoro: il futuro della medicina sta nel suo passato. In seguito, preciserò meglio questa asserzione e, in particolare, cercherò di analizzare i rapporti, le analogie e le differenze tra la medicina del XX secolo e quella del XXI e rilevare come dovrà operare il medico del prossimo domani.

Ultimo aggiornamento Martedì 05 Luglio 2011 11:51 Leggi tutto...

Il disturbo da attacchi di panico nel quadro della collaborazione multidiscipinare

  • PDF

Per attacco di panico si intende un preciso periodo di grave ansia durante il quale vi è l’insorgenza di apprensione, paura e terrore, associati spesso con la sensazione di catastrofe o morte imminente.

Ultimo aggiornamento Martedì 05 Luglio 2011 11:52 Leggi tutto...

A proposito del “Testamento biologico”

  • PDF

A proposito del “Testamento biologico”

Carmine Macchione

 

Ognuno deve rendere conto della vita anche agli altri.

Ma per la morte non occorre che il proprio consenso.

Seneca: Lettere a Lucilio

 

I casi di pazienti terminali come Welby, Coscioni, Nuvoli, Ogliaro, Ravasin, Schiavo, Quislan, Cruzan avevano suscitato un estremo interesse nell’opinione pubblica mondiale e italiana, e ha stimolato i Politici a legiferare sul testamento biologico e sull’eutanasia, anche se il sistema bicamerale italiano ha ritardato molto la discussione sulle diverse proposte di legge. Il recente suicidio avvenuto in Svizzera di DJ Fabo e il disegno di legge sul Testamento Biologico, approvato dalla Commissione affari sociali il 16 febbraio 2017 e che sarà inviato per l’approvazione definitiva alla Camera nel mese di marzo 2017, a nostro parere, con scarse possibilità di riuscita, ha determinato nella classe politica un vespaio di varie interpretazioni. La pubblicazione sui media del testo approvato ha suscitato infatti nell’ambiente politico e sociale una discussione non sempre pacata e realistica. Notiamo che sia negli ambienti cattolici che in quelli laici di destra, di centro o di sinistra, le osservazioni al testo licenziato denotano pregiudizi che sconfino talora perfino nell’ignoranza. Si parla di cultura di morte o di vergogna di appartenere ad un Parlamento non legiferante e che galleggia. D’altra parte nel nostro Paese esistono varie Associazioni come la Exit, il cui Presidente è Emilio Coveri, l’Associazione Luca Coscioni, il Comitato di Bioetica, che da vari punti di vista sono favorevoli o sfavorevoli all’Eutanasia e al Suicidio assistito. Negli anni ‘30 sorsero negli USA molte associazioni riunite nella World Federation of Right Die Societies (Federazione Mondiale delle Società per il Diritto di Morire).

E’ nostra opinione dare, quindi, sull’argomento una interpretazione serena, non esasperata da pregiudizi o da esperienze dolorose personali, finalizzata a chiarire ciò che ancora chiaro non è. Intanto prima ancora di parlare di Eutanasia attiva o passiva o di suicidio assistito è necessario chiarire cosa si intenda per Testamento Biologico (TB) o per DAF (Dichiarazioni Anticipate di Testamento). Prima di entrare in argomento è importante porsi alcune domande, utili a chiarire i molti dubbi a riguardo.

Ultimo aggiornamento Sabato 27 Maggio 2017 21:20 Leggi tutto...

Pagina 1 di 3

Iscriviti ad ACSA Newsletter

Inserendo i dati sottostanti sarai automaticamente iscritto alla nostra newsletter. Sarà sempre possibile revocare l'iscrizione con il tasto Cancellami.